Diagnostica per Immagini

Risonanza Magnetica (RM) 

In Neurologia Veterinaria, la risonanza magnetica è fondamentale per lo studio dei tessuti molli ed in particolare per lo studio dell’encefalo e del midollo spinale.
Utilizzata principalmente in campo medico per produrre immagini diagnostiche, la risonanza magnetica (RM) è una tecnica basata sull’esposizione del paziente a un forte campo magnetico statico. Rispetto alla TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) e all’esame radiologico permette di eseguire diagnosi accurate senza esporre il paziente a radiazioni ionizzanti.

Output Risonanza Magnetica
Tomografia Assiale Computerizzata  (TAC)

In Medicina Veterinaria l’esame tomografico è particolarmente indicato per lo studio dei tessuti duri, scheletro e articolazioni, e per l’analisi di distretti anatomici come il torace e l’addome. L’esame Tomografico Computerizzato veterinario sfrutta radiazioni ionizzanti (raggi X) che una volta elaborate consentono di riprodurre sezioni corporee del paziente e visualizzazioni tridimensionali. La TAC permette di ottenere importantissime informazioni per lo studio del cranio e della colonna vertebrale, supporta indagini complementari in pazienti oncologici e a differenza di altre indagini diagnostiche consente di eseguire biopsie guidate.

Output TAC 3D
Radiologia digitale diretta (DXR)

La radiologia digitale diretta permette di eseguire indagini radiologiche in tempo reale con una sensibile riduzione dei tempi di anestesia e un conseguente minore stress per l’animale. A differenza della tecnica tradizionale la rilevazione dell’immagine avviene tramite un sensore che fornisce in uscita direttamente i dati digitali, senza bisogno di elaborazioni intermedie. Il sistema è collegato via fibra ottica a una workstation di controllo che mostra l’immagine appena acquisita.

Output DXR